HYBRIDA. radio show – playlist 178° puntata

HYBRIDA. radio show va in onda sui 90.00 mhz di Radio Onde Furlane e in streaming su www.ondefurlane.eu. Prossima puntata: 30 gennaio alle ore 21

Ascolta Hybrida Radio Show 178 16-01-2017″ su Spreaker.

BEST OF 2016 (in ordine alfabetico)


CHRIS ABRAHAMS
FLUID TO INFLUENCE

(Room 40)


RASHAD BECKER
TRADITIONAL MUSIC OF NOTIONAL SPECIES VOL. II

(Pan)


BILLY BAO
LAGOS SESSIONS

(Munster Records)


BOTANY
DEEPAK VERBERA

(Western Vinyl)


SHIRLEY COLLINS
LODESTAR

(Domino)


DEMDIKE STARE
WONDERLAND

(Modern Love)


JOHN DUNCAN
BITTER EARTH

(iDEAL Recordings)


THE DWARFS OF EAST AGOUZA
BES

(Nawa Recordings)


GATE
SATURDAY NIGHT FEVER

(MIE Music)


HERON OBLIVION
HERON OBLIVION

(Sub Pop)


HIEROGLYPHIC BEING
THE DISCO’S OF IMHOTEP

(Technicolour)


HOLIDAY INN
WHITE MAN

(NO=FI Recordings)


MAI MAI MAI
PHI

(Boring Machines)


MOOR MOTHER
FETISH BONES

(Don Giovanni Records)


RADIAN
ON DARK SILENT OFF

(Thrill Jockey)


RANGDA
THE HERETIC’S BARGAIN

(Drag City)


SHINTARO SAKAMOTO
LOVE IF POSSIBLE

(Zelone Records)


TOMORROW THE RAIN WILL FALL UPWARDS
WRECK HIS DAYS

(Blackest Ever Black)


YVES TUMOR
SERPENT MUSIC

(Pan)


STEVEN WARWICK
NADIR

(Pan)

°°°

Playlist 178° puntata

CHRIS ABRAHAMS
Scale Upon The Land

RASHAD BECKER
Dances VI

BILLY BAO
D

BOTANY
Whose Ghost

SHIRLEY COLLINS
Sur Le Borde De L’Eau

DEMDIKE STARE
Sourcer

JOHN DUNCAN
Dark

THE DWARFS OF EAST AGOUZA
Hungry Bears Don’t Dance

GATE
Caked

HERON OBLIVION
Sudden Lament

HIEROGLYPHIC BEING
Sepulchral Offerings

HOLIDAY INN
Who’ll Join My Tribe

MAI MAI MAI
Bakkois

MOOR MOTHER
Parallel Nightmares

RADIAN
Pickup Pickout

RANGDA
The Sin Eaters

SHINTARO SAKAMOTO
Purging The Demons

TOMORROW THE RAIN WILL FALL UPWARDS
Ghost From The Coast

YVES TUMOR
Dajjal

STEVEN WARWICK
Braincells

MAI MAI MAI & SPATEMBA

mmm
SABATO 21 GENNAIO
ORE 21:00
UDINE – PARCO DI SANT’OSVALDO presso la COMUNITA’ NOVE – VIA POZZUOLO 330

La Comunità Nove, Hybrida e Bar Sport vi propongono un altro evento dedicato alla ricerca sonora: Spatemba, nuovo combo elettro folk che arriva dal Bisiakistan, e la psichedelia occulta di Mai Mai Mai, il progetto di Toni Cutrone ambientato al confine tra l’Europa e l’Oriente, un viaggio attraverso il Mediterraneo su scure onde electro-noise e gorghi di basse frequenze.

prima, dopo e durante
Hybrida sound & light

mai-mai-mai
MAI MAI MAI
Nato su una piccola isola dell’Egeo, Toni Cutrone ha fin da bambino seguito i genitori in giro tra Vicino Oriente ed Europa, assorbendo differenti culture, atmosfere e sonorità dei luoghi in cui veniva trasportato involontariamente: brevi periodi ma così intensi da lasciare tracce indelebili.
MAI MAI MAI è la messa in musica di questo suo passato; ciò che ne esce fuori è un miscuglio di drone e ambient, ritmiche che spaziano dal vaporoso al technoide, field recordings e ambientazioni sonore che ci trasportano in epoche passate e oscure, al confine tra oriente ed occidente. Theta, il primo album, è uscito per Boring Machines nel 2013, seguito da Delta (Yeravan Tapes, 2014). In parallelo hanno visto la luce anche una collaborazione con Lunar Lodge (LL//MMM) concepita utilizzando solo strumentazione analogica, che lo ha portato verso territori più industrial e propriamente techno, e la sua versione di Sette Note In Nero di Lucio Fulci, pubblicata sulla compilation Nostra Signora Delle Tenebre. Nell’ottobre 2015 ha pubblicato una traccia inedita (Akousma), inserita nella compilation uscita per il Liverpool Psych Fest, a cui ha partecipato per due anni di fila. Nel 2015 è uscito Petra, terzo album ed appendice alla sua Trilogia sul Mediterraneo, che lo scorso anno ha visto l’epilogo in Phi, dove affronta il ritorno nel Sud magico, culla della Magna Grecia.
maimaimaikr.blogspot.it

spatemba
SPATEMBA
electronic neofolk
soundcloud.com/user-370207131

THE OUTSPACE TUNES OF GULLIDANDA & AL SAGOR

4gennaio
MERCOLEDI’ 4 GENNAIO
DALLE ORE 18:00 INGRESSO LIBERO
UDINE – PARCO DI SANT’OSVALDO presso la COMUNITA’ NOVE – VIA POZZUOLO 330

The Outspace Tunes Of Gullidanda & Al Sagor

Organo e sintetizzatori incontrano ritmi technoidi in passaggi sonori rumorosi. Il pianista jazz di formazione classica Giorgio Pacorig assieme al musicista elettronico Andrea Gulli danno vita a composizioni psichedeliche a metà strada tra bizzarri esperimenti dance e improvvisazione elettroacustica.

Giorgio Pacorig Korg ms20, Farfisa Matador, devices
Andrea Gulli laptop, tape recorder, tape echo, analogue synthesizer, CEI organ

prima, dopo e durante
Hybrida sound & light

Podcast - Podcast - Podcast
Hybrida Radio Show
Go To Podcast Page
*
*

Archivio Post