FREE MUSIC IMPULSE #4: BLUES CONTROL – TROPA MACACA

Domenica 13 settembre
area festeggiamenti di Vernasso di San Pietro al Natisone
dalle ore 12 chioschi aperti + Hybrida soundsystem
ore 18 circa BLUES CONTROL (usa – Holy Mountain/Siltbreeze/Sub Pop) + TROPA MACACA (portugal – Siltbreeze) in concerto
INGRESSO LIBERO

BLUES CONTROL

Il nome così esplicito potrebbe ingannare più del lecito. Non che il blues manchi ma la sua presenza va oltre la comune percezione e le più scontate attese. Il duo newyorchese formato da Lea Cho e Russ Waterhouse offre un’angolatura inusuale a cui rapportarsi, seguendo le orme del rock e della psichedelia, dell’elettronica e dell’improvvisazione.
“Come Blues Control siamo attivi dal gennaio 2006, ma assieme suoniamo dal 2003 come Watersports, un progetto elettroacustico influenzato dalla musica d’ambiente. Abbiamo dato vita ai Blues Control per gioco, giusto per avere una band rock. Con l’aiuto di un amico, Talbot Adams, abbiamo preparato dei demo e poi li abbiamo messi su internet per scherzo, così abbiamo trovato degli show da suonare ed ogni volta che vogliamo registrare qualcosa facciamo una jam per un paio d’ore e poi selezioniamo il materiale secondo i nostri gusti blues e psichedelici.” Lea Cho
I Blues Control hanno appena pubblicato “Local Flavor” su Siltbreeze, loro terzo album dopo l’omonimo su Holy Mountain e un singolo per Sub Pop. Un avant blues psichedelico che si caratterizza di distorsioni sature, schitarrate pachidermiche e atmosfere bucoliche di tastiere, quasi spettrali e pigre panoramiche di un’America rurale. Ma anche evoluzioni alla Neu!, sperimentazioni hendrixiane, timbri fuzz e riffacci alla Black Sabbath. “…La nostra idea di blues ovviamente non è troppo tradizionale. Ci piacciono i suoni grossi, ma fatti con pochi mezzi. Tutto è basato sul low tech ed infatti usiamo un sacco di nastri e piccole tastiere. Credo che il piano e la chitarra siano strumenti molto tradizionali nel rock, nel blues ed anche nel country. Non abbiamo modelli precisi, ma di sicuro Neil Young e gli Sparks hanno scritto molte ballate piano rock che ci piacciono.” Lea Cho
www.myspace.com/bluescontrol

TROPA MACACA

I Tropa Macaca sono un duo di Santo Turso formato da Andre Abel e Joana da Conceicao, certamente tra i più originali gruppi della scena portoghese. I tre album finora pubblicati, “Marfim” (2007, Ruby Red), “Fiteiras Suadas” (2008, Qbico) e “Sensação do Princípio” (2009, Siltbreeze) contengono lunghe suite in cui gli elementi percussivi, mandati insistentemente in loop, preponderano nell’economia globale di questa musica. Si sono azzardati paragoni con Thromas Brinkmann e certamemente il suono fa leva su figure di minimalismo e astrazioni di musica post-industriale, ma la band nega ogni possibile influenza della minimal-techno di scuola teutonica. E’ possibile invece accostarli ai Black Dice ultima maniera, ma ancor più essenziali e acidi. Se il noise americano sembra aver imboccato la strada dei ritmi, allora bisogna dire che i Tropa Macaca ci sono arrivati in modo più convincente. La cosa interessante sta comunque nella loro capacità di giocare con ogni tipo di suono in modo da esaltarne l’aspetto percussivo, per quanto la texture si mostri, a un ascolto attento, più complessa di quanto appaia inizialmente. Pensate a un set minimal techno di Richie Hawtin disturbato dalle convulsioni digitali di terroristi elettronici come Lesser e Kid606.
www.myspace.com/tropamacaca
www.tropamacaca.com

Come arrivare a Vernasso di San Pietro al Natisone

Dove si trovano l’area festeggiamenti ed i chioschi

Lascia un commento

Podcast - Podcast - Podcast
Hybrida Radio Show
Go To Podcast Page
Archivio Post