FRANCESCO CUSA “Il musicista nudo”

Mercoledì 26 – Giovedì 27 – Venerdì 28 – Sabato 29 Luglio

cusa.jpg“IL MUSICISTA NUDO” – PROGETTO DIDATTICO DI FRANCESCO CUSA

– La creazione di strutture musicali semplici e complesse a partire dall’improvvisazione.
– Elementi di ritmica e poliritmia.

Il corso di musica d’insieme è aperto a tutti i musicisti di qualsiasi estrazione ed età. Non é richiesto alcun tipo di preparazione specifica. Si cercherà di sviluppare le attitudini dei musicisti partecipanti, mediante l’acquisizione di tecniche innanzitutto ritmiche, poi melodico/armoniche, funzionali alla creazione di strutture musicali semplici e complesse. Il fine sarà quello di creare un’organico stabile e finalizzato alla realizzazione di progetti e produzioni originali quali, sonorizzazioni di film, realizzazioni di colonne sonore per video e documentari, concerti ecc.

Chi può essere interessato:

– Ovviamente i batteristi ed i percussionisti, ma soprattutto gli “altri”strumentisti che avranno così la possibilità di approfondire l’aspettolo ritmico, spesso trascurato dall’insegnamento accademico.
– Tutti quelli che vorranno sperimentare un approccio “compositivo” e strutturale applicato alla libera improvvisazione musicale.
– I musicisti rock che vorrebbero“improvvisare” senza necessariamente pagare il pedaggio di frustrazione e deferenza al jazz.
– I musicisti jazz che vorrebbero“improvvisare” senza necessariamente pagare il pedaggio di frustrazione e deferenza a Charlie Parker.
– I musicisti pop che vorrebbero“improvvisare” senza necessariamente pagare il pedaggio di frustrazione e deferenza al “click”.
-Gli amanti della “fusion” schiavizzati dai “patterns”.

Per un approccio psicologico corretto:

Buona parte dei problemi che un musicista si trova a riscontrare nel corso della sua attività, hanno poco a che fare con lo strumento o la preparazione tecnica. I fattori emotivi, in molti casi, costituiscono un vero e proprio “blocco” alla libertà espressiva.
Per tale ragione, questo corso si occuperà di sondare alcuni aspetti dell’attività musicale che soltanto apparentemente sembrano rivestire una valenza secondaria

– Come “affrontare” un concerto
– Come “affrontare” una seduta di registrazione
– Come “ascoltare” i musicisti che stanno suonando con me.
– Come “non ascoltare” me.

Francesco Cusa

www.francescocusa.tk

ORARI:Mercoledì 26 – Giovedì 27 – Venerdì 28 – Sabato 29 Luglio dalle 18.30 alle 21.30

Sabato 29 luglio prova aperta

Costo del laboratorio: 40 euro

Iscrizioni: info@hybridaspace.org

cusa1.jpgFRANCESCO CUSA
Batterista e compositore, nato a Catania nel 1966, ha avuto il suo primo approccio con il jazz intorno al 1986. Si è formato musicalmente ai seminari di Siena Jazz seguendo i corsi di Bruno Biriaco, Roberto Gatto ed Ettore Fioravanti, e successivamente a Bologna laureandosi al DAMS e studiando composizione con il Maestro Alfredo Impullitti.
Ha suonato tra gli altri con Paolo Fresu, Larry Smith, Lauro Rossi, Gianni Gebbia, Fabrizio Puglisii, Luigi Mosso, Edoardo Marraffa, Cristina Zavalloni, Mirko Sabatini, Jay Rodriguez, Butch Morris, Jon Rose, Michel Godard, Kenny Wheeler, Steve Lacy, Tim Berne, Roy Paci, Elliot Sharp, Saadet Türköz, Flying Luttembachers, Andy Sheppard, Michael Riessler, Yves Robert, Zu, Mohammed El Bawi, E. Glerum, Assif Tsahar, Natalia M.King, Lionel Rolland , Dj.Pushy, Christophe Monniot, Tanja Feichtmair, Manu Codjia, Emil Spany, Arrington De Dionyso, le danzatrici Cinzia Scordia e Florence La Porte , l’artista visivo Fred Gautnier, il collettivo di scrittori Wu Ming.
Co-fondatore del collettivo bolognese Bassesfere è attualmente impegnato con l’Associazione musicale “Ex B.” e con il progetto “Improvvisatore Involontario”. Ha suonato in festival internazionali in Francia, Romania, Croazia, Slovenia, Bosnia/Erzegovina, Olanda, Germania, Svizzera, Austria, Ungheria, Norvegia, Spagna, Belgio. Attivo nell’ambito dell’interdisciplinareità artistica, ha realizzato numerosi lavori di creazione e sonorizzazione di musiche per film, teatrali, letterari, di danza e arti visive, collaborando con noti ballerini, poeti e visual performers.
E’ leader del F. CUSA “Skrunch”, del quintetto/trio IMPASSE, del collettivo “THE NAKED MUSICIAN”, e del progetto di sonorizzazione dei film di Buster Keaton e muti d’inizio secolo denominato SOLOMOVIE . E’ co-leader dei progetti THE BODY HAMMER, SWITTERS, ALTOMARIA, I NEGRI VOLANTI, e del duo di batterie COMPLEXE MACHINE. Inoltre collabora con i seguenti gruppi: CRISTINA ZAVALLONI “Open Quartet”, TRINKLE TRIO (feat. Michel Godard).

Lascia un commento

Podcast - Podcast - Podcast
Hybrida Radio Show
Go To Podcast Page
Archivio Post